Pubblicato da: liberidiscegliere | gennaio 14, 2009

Stretta sul testamento biologico. 50mila firme per la libertà di cura

di Matteo Tonelli

ROMA – La questione del testamento biologico accelera. A breve, nonostante le divisioni che agitano, trasversalmente, gli schieramenti, il Pdl porterà in commissione Sanità al Senato un testo unificato, mentre venerdì il Pd si riunirà in un seminario per tentare di stabilire una linea unitaria in vista dell’accelerazione parlamentare. Il tutto mentre l’appello per una legge sul testamento biologico, lanciato dal senatore del Pd Ignazio Marino raggiunge le 50mila adesioni e si continua a firmare sul sito dell’appello.

Stando alle anticipazioni il testo della maggioranza stabilisce il rispetto per la libertà di decisione del medico sul trattamento terapeutico cui sottoporre il paziente e la possibilità per il paziente di esprimersi solo sulla terapia da seguire ma non di decidere se vivere o morire. Principi che incontrano perplessità anche all’interno della stessa maggioranza. “Se questo è il testo mi pare improbabile che possa essere condiviso” dice Benedetto della Vedova, presidente dei riformatori liberali.

Ma se la maggioranza si divide, il Pd rischia di spaccarsi. Conclusi con un nulla di fatto i lavori del “comitato dei sei”, di cui facevano parte Marino e la senatrice teodem Paola Binetti, il partito di Veltroni ha deciso di correre ai ripari, organizzando il seminario di venerdì. Cercando, così, di fare in modo che sul testamento biologico non si registri una spaccatura profonda tra le varie anime dei democratici.

Nel frattempo l’iniziativa di Marino continua a raccogliere adesioni. Scorrendo l’elenco delle firme spiccano quelle del premio Nobel Rita Levi Montalcini, del fondatore di Repubblica, Eugenio Scalfari, di Miriam Mafai, di Corrado Augias, del segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani. Ed ancora Umberto Veronesi, Luciana Littizzetto e il ct della nazionale, Marcello Lippi. Le loro firme e quelle di tanta gente comune hanno fatto toccare quota 50mila. Tutti insieme per chiedere una legge che, se si dovesse perdere la facoltà di espressione, possa dare la possibilità di indicare le terapie alle quali essere sottoposti e quelle no. Un testamento che, se ci fosse già stato, avrebbe evitato lo straziante stillicidio della vicenda di Eluana Englaro.

Annunci

Responses

  1. Quota 50.000 è uno splendido risultato, anche perché comprende le adesioni di chi possiede un pc e una mail.
    Per gli anziani in questa situazione (possiedono cioè un pc e una mail), ma non sono esperti nell’uso del loro pc, propongo: vengano invitati nelle case di quanti credono nell’importanza di questa campagna e, in loro presenza con il nostro pc, si mandi l’adesione alla petizione del sen. I.Marino per il testamento biologico con la mail del firmatario.
    Vi assicuro che questo contributo vi restituirà, a fronte di un piccolo impegno, una grande soddisfazione
    Un caro saluto
    Giovanna


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie